L'Emilia-Romagna di fronte alla violenza politica e al terrorismo:
storia, didattica, memoria

1973

 

02.03.1973

Imola (Bologna). Sei operai di sinistra vengono arrestati per aver scagliato una bottiglia molotov contro l'auto del neofascista Paolo Ventura.

 

21.03.1973

Parma. L 'auto di un simpatizzante di estrema destra, parcheggiata in Strada Nuova, viene data alle fiamme e distrutta.

 

31.03.1973

Bologna. Un simpatizzante dell'estrema destra, Stefano Montanari, viene aggredito da un gruppo di studenti di sinistra nei pressi del liceo "Minghetti".

 

24.04.1973

Forlì. Attentato incendiario contro la sezione del MSI in corso Diaz. Lievi i danni.

 

12.05.1973

Bologna. Il preside del liceo "Galvani", Prof. Davide Giordano, e lo studente Paolo Pifferi, entrambi iscritti al Fronte della Gioventù, vengono aggrediti e picchiati nei pressi della scuola.

 

16.05.1973

Bologna. Due studenti del liceo "Minghetti" vengono aggrediti e feriti da un gruppo di neofascisti dopo essersi rifiutati di accettare un loro volantino.

 

26.05.1973

Bologna. Due militanti dell'estrema destra vengono arrestati perché autori di un'aggressione nei confronti di Valeria Vitali, militante nel PCI, e Gualtiero Ferretti, sindacalista della CGIL.

 

20.06.1973

Bologna. Un folto gruppo di militanti del MSI irrompe nell'Autogrill di Cantagallo, sull'autostrada del Sole, e picchia alcuni camerieri dopo aver ferito due poliziotti. Alcuni giorni prima il personale dello stesso Autogrill si era rifiutato di servire un pasto a Giorgio Almirante.

 

19.08.1973

Persiceto (Bologna). Un attentato incendiario, compiuto ai danni di una sezione del PCI, devasta un intero edificio.

 

07.10.1973

Reggio Emilia. Un potente ordigno esplode dinanzi all’abitazione dell'avvocato Luigi Vezzosi provocando gravi danni. L'avvocato Vezzosi è impegnato nella difesa di numerosi militanti di sinistra.

 

16.10.1973

Bologna. Gioacchino Marri, 21 anni, simpatizzante di sinistra viene accoltellato e gravemente ferito mentre passa dinanzi ad una sezione del MSI. L'aggressore, identificato dalla polizia, è un militante del Fronte della Gioventù.

 

08.12.1973

Bologna. Incidenti si verificano tra militanti della sinistra extraparlamentare e forze di polizia. Nel corso degli scontri i dimostranti fanno uso di fionde e molotov. La polizia opera tre arresti. Numerosi i feriti.