L'Emilia-Romagna di fronte alla violenza politica e al terrorismo:
storia, didattica, memoria

Antonio Mosca

Antonio Mosca

(29 luglio 1989, vittima della Banda della Uno bianca)

 

1989mosca.jpg

 Antonio Mosca sovraintendente di P.S. in servizio al Commissariato di Rimini (oggi Questura).

Fu gravemente ferito nel corso dell’attuazione del piano da lui predisposto per catturare gli estorsori di un commerciante riminese. Il 3 ottobre 1987 all’appuntamento con gli estorsori in un cavalcavia lungo l’autostrada A 14 andarono Antonio Mosca e i poliziotti del Commissariato di Rimini ma furono accolti con decine di colpi di fucili a pompa. Mosca e altri due agenti rimasero feriti gravemente. A sparare erano stati altri poliziotti divenuti poi famosi come banda della “uno bianca” capeggiati da Roberto Savi. Mosca fu colpito al torace e alla testa e morì dopo un lungo calvario di sofferenza il 29 luglio 1989.